18 Gennaio 2019

Le chiese
percorso: Home > Le chiese > Orino

Chiesa di San Lorenzo

E´ la chiesa più antica del paese.
E´ attestata dal 1330. Un documento del 5 novembre di quell´anno, conservato nell´archivio della plebana di San Lorenzo in Cuvio, parla già di proprietà appartenenti alla chiesa. In esso vi è una istanza indirizzata al Vescovo di Como affinché egli deleghi al vicario generale Uguccione, Vescovo di Novara, la causa di una controversia relativa al "menacatus seu custodie" della chiesa di San Lorenzo di Orino.
C´è anche un altro documento del 979, conservato tra gli atti di S. Maria di Velate, che parla di un terreno sito in Orino che confinava con una proprietà della Chiesa di S. Lorenzo: "seconda silva est ibi prope: da una parte S. Laurenti, da alia Eremberti". Potrebbe essere la nostra, ma potrebbe trattarsi anche della Collegiata di Canonica.
La prima descrizione della chiesa risale al 1592; è opera di Monsignor Niguarda, Vescovo di Como, in visita in Valcuvia:" ... l´altra chiesa di San Lorenzo è fuori del paese un quarto di miglio, con il cimitero e un grande campanile, con una sola campana e una piccola sacrestia, senza paramenti... Il paese conta sessanta fuochi (nuclei familiari), 378 anime e di comunione 322. Il cappellano è tenuto a celebrare la Messa tutti i giorni festivi e tre feriali ogni settimana, ora nell´una ora nell´altra chiesa, tuttavia più frequentemente in quella di S. Maria".
Vi è una successiva descrizione, assai più generosa, relativa alla predetta visita di Monsignor Archinti: "Chiesa di San Lorenzo di Orino Filiale della Prepositurale e Collegiata di S. Lornezo di Valcuvia. Vi è l´abside a nicchia sotto cui c´è l´altare. Ha la mensa di pietra e una tovaglia. Vi è un gradino di legno. Vi è una antica icona di legno dipinta. Vi è una predella larga ma non tocca gli angoli dell´altare. Le altre cose mancano. E´ chiuso da cancelli. C´è un titolo con l´onere di celebrare la messa nei giorni festivi e 4 volte la settimana. Il titolare è il rev. Prete Piero Baregozzi che celebra nei giorni festivi e due volte la settimana.
La chiesa è stata costruita verso oriente. E´ consacrata ed il giorno della consacrazione è il 4 maggio. E´ antichissima con le pareti spoglie e rovinate dall´antichità. Il tetto ha la soffitta rotta. Il pavimento è in cotto.
La facciata della chiesa è dipinta. In essa vi è la porta principale. Ci sono due tombe comuni con una sola copertura.
Vi è la torre campanaria con una campana benedetta.
Vi è la sacrestia vuota. Vi è il Cimitero ben chiuso." Di quella antica chiesetta oggi rimane purtroppo solo il campanile, poichè il resto è stato riedificato intorno al 1635.

San Lorenzo tra le fiamme mette in fuga gli Ariani.
Risale al III secolo dopo Cristo una delle prime leggende che coinvolgono i dintorni di Orino. E´ il 389 d.C. gli Ariani cacciati dal Vescovo di Milano Ambrogio (futuro santo) in seguito alla condanna della loro dottrina da parte della Chiesa, si rifugiano in cima al colle che attualmente ospita l´abitato di Santa Maria del Monte. Sempre secondo la leggenda, gli Ariani occupano la Rocca di Orino e la presidiano fino alla conquista del "Forte di Varese" da parte delle truppe milanesi.La tradizione vuole che gli Ariani venissero messi in fuga oltra che dal sopraggiungere dell´esercito ambrosiano, dall´apparizione della figura si San Lornezo avvolta nelle fiamme. Gli abitanti del luogo, una comunità di pastori, riconoscenti, chiamarono la località dell´apparizione con il nome del Santo e vi edificarono una cappella.E´ in questa località che sorge la piccola chiesa di San Lorenzo con annesso il cimitero comunale.



Contatti
Riempi il modulo sottostante per richiedere informazioni su questi contenuti
I campi in grassetto sono obbligatori.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio



[Realizzazione siti web www.sitoper.it]
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata